Pro Loco Mezzojuso
realizzato e curato da: Vincenzo Di Grigoli

Tradizioni ed Eventi

Gennaio

“A vulàta d’à palumma” o “Festa dell’acqua battiata”

secondo il rito greco - bizantino.

E’  

una  

delle  

funzioni  

più  

originali  

del  

rito  

greco  

-  

bizantino  

e  

si  

svolge  

due  

volte,  

la  

sera  

del  

5  

Gennaio

in  

chiesa  

e  

la  

mattina  

del  

6  

Gennaio  

in  

piazza,  

davanti  

la  

porta  

principale  

della  

Chiesa  

di  

San  

Nicolò

di  

Mira.  

Durante  

la  

celebrazione,  

una  

candida  

colomba  

discende  

lentamente,  

attraverso  

una  

corda

che  

dall’alto  

di  

un  

balcone  

si  

collega  

ad  

un  

fonte  

battesimale  

disposto  

davanti  

la  

chiesa.  

Questo

momento  

liturgico  

ricorda  

il  

battesimo  

di  

Gesù  

nel  

Giordano  

e  

la  

discesa  

dello  

Spirito  

Santo  

che

assume  

le  

sembianze  

di  

una  

colomba.  

La  

cerimonia  

si  

conclude  

con  

la  

benedizione  

dei  

fedeli  

e  

la

distribuzione a quest’ultimi di arance.

Febbraio

Ultima domenica di Carnevale

Il Mastro di Campo

La pantomima Ore   14,30   il   Re   e   la   Regina   con   il   corteo   reale   fa   il   suo   ingresso,   avvia   le   danze   in   piazza   e   poi   sale   su un palco che funge da Castello. Intanto   appaiono   le   maschere   legate   alla   tradizione:   u   Rimitu,   i   Maghi,   le   Giardiniere,   in   piazza arrivano   gli   Ingegneri   armati   di   strumenti   di   agrimensura   e   iniziano   a   misurare   la   distanza   da   un punto ipotetico della piazza in cui il Mastro di Campo potrà piazzare l’artiglieria. Arriva    il    Mastro    di    Campo    al    ritmo    marziale    del    tamburo,    con    al    seguito:    il    Tammurinaru, l’Ambasciatore,   Garibaldi   con   i   Garibaldini,   il   Capitano   d’artiglieria,   il   Barone   e   la   Baronessa   seguiti dai loro uomini: Camperi, Soprastanti, Vurdunaru, Curatulu, Sfacinnatu, infine la Cavalleria. Il   Mastro   di   Campo   invia   con   l’Ambasciatore   una   lettera   di   sfida   al   Re,   alla   risposta   del   Re   il   Mastro   di Campo   inizia   le   ostilità   seguite   da   una   danza   guerresca,   ritmata   dal   tamburo,   a   cui   si   aggiunge   la carica   di   Garibaldi   e   i   suoi   Garibaldini,   il   Foforio,   oltre   a   mantenere   l’ordine   pubblico,   sequestra   i benestanti   e   li   rilascia   dietro   pagamento   di   un   riscatto   (dolci   o   liquori).   Nel   primo   tempo   il   Mastro   di Campo   sale   la   scala   (due   volte)   del   Castello   del   Re   con   il   quale   si   scontra   in   un   duello,   nel   duello centrale   il   Mastro   di   Campo   viene   ferito   in   fronte,   il   tamburo   suona   “a   rullo”,   il   Generale   tutto tremante     allarga     le     braccia     e     si     lascia     cadere     nel     vuoto:     termina     la     prima     parte     della rappresentazione. I   Maghi   scavano   sotto   il   Castello   e   trovano   la   Trovatura   (un   cantaru   di   maccheroni   e   salsiccia)   che,   al grido   di   “foriu”,   offrono   alla   folla;   il   Mastro   di   Campo,   guarito   dalle   ferite,   rientra   in   piazza   con   il   suo esercito   e   riprende   la   battaglia.   Le   scene   dei   vari   personaggi   si   ripropongono   uguali   al   primo   tempo. Il    Re,    tradito    dall’Artificiere,    viene    sopraffatto    e    incatenato    dal    Mastro    di    Campo    penetrato furtivamente    nel    Castello,    il    Mastro    di    Campo    si    smaschera    e    corona    il    suo    sogno    d’amore abbracciando   l’amata   Regina.   Si   conclude   la   pantomima   del   Mastro   di   Campo   e   si   avvia   il   corteo   che si snoderà per le vie del paese. 18 - 19 Marzo Festeggiamenti in onore di San Giuseppe Benedizione e distribuzione dei “Panuzza” di San Giuseppe. La   sera   del   18   marzo,   nella   chiesa   dell’Annunziata   si   svolge   la   funzione   dei   “tocchi   di   San   Giuseppe” che    rappresenta    il    trapasso    del    Santo:    nove    rintocchi    annunziano    l’agonia,    mentre    il    rullo    del tamburo   e   lo   sparo   del   mortaretto,   che   sono   segni   di   festa,   hanno   il   significato   che   alla   tristezza   della morte   fa   seguito   il   trionfo   in   cielo.   Si   è   persa   l’usanza   di   fare   la   “tavolata”   mentre   è   ancora   in   uso   la “minestra   di   San   Giuseppe”   preparata   dai   “fratelli”   con   diversi   tipi   di   verdure   e   di   legumi   che   viene benedetta   subito   dopo   la   messa   solenne   del   19   Marzo   e   mentre   in   passato   era   destinata   ai   poveri del   paese,   oggi   tutti   i   fedeli   si   affollano   con   devozione   per   assaggiarla.   Nella   settimana   che   precede   i festeggiamenti   del   19   marzo,   vengono   preparati   i   “panuzza”   di   S.   Giuseppe,   dei   panini   di   forma rotonda,   piuttosto   schiacciati   con   un   diametro   di   circa   5   cm.   Sono   realizzati   con   farina   comune,   olio sale    e    semi    di    finocchio    selvatico    e    hanno    impressa    l’immagine    della    Sacra    Famiglia.    Vengono benedetti   ed   esposti   alla   visita   dei   fedeli   la   vigilia   dopo   “i   tocchi”   e   distribuiti   dai   confratelli   a   tutte   le famiglie   del   paese   la   mattina   del   19   Marzo.   Tale   distribuzione   rappresenta   la   Provvidenza   del   Santo che   arriva   in   tutte   le   famiglie.   Le   sacre   ricorrenze   del   23   Gennaio   (Sposalizio   di   San   Giuseppe)   e   del 19 Marzo hanno un carattere esclusivamente religioso. La settimana Santa Sabato di S. Lazzaro “O mirë mbrëma”. Un   coro   percorre   le   vie   cittadine   al   canto,   in   lingua   albanese,   di   “O   mirë   mbrëma”   narrante   la resurrezione   di   Lazzaro.   In   passato   si   svolgeva   la   settimana   che   precedeva   la   Domenica   delle   Palme, dal   mercoledì   al   Sabato,   oggi   si   svolge   il   Venerdì   Santo   in   un’unica   sera.   Il   coro,   si   sposta   di   casa   in casa e alla fine del canto vengono offerte delle uova. Giovedì Santo Processione della Statua dell’Addolorata Ha   luogo   il   Giovedì   Santo   ed   è   unica   nel   suo   genere   poiché   sembra   che   in   nessun   altro   luogo   si   porti in   processione   la   Statua   di   Maria   Santissima   Addolorata   tale   giorno.   Approssimandosi   l’ora   della Processione,   dalla   Chiesa   Madre   latina,   dove   si   trova   la   Statua   dell’Addolorata,   comincia   a   sentirsi   il caratteristico   suono   della   tromba   seguita   da   alcuni   colpi   di   tamburo,   che   annunziano   che   l’ora   della processione   è   vicina.   Partecipano   alla   processione   i   “fratelli”   che   indossano   un   “abitino”   di   colore nero,   appartenente   alla   Confraternita   e   le   “sorelle   dell’Addolorata”,   che   indossano   un   abito   nero,   con un   nastro   bianco   attorno   al   collo   che   sorregge   una   medaglia   recante   l’effigie   dell’Addolorata   e   un velo   nero   che   ricopre   la   testa.   Nella   piazza,   ove   trovasi   la   chiesa   Madre,   vengono   spente   tutte   le   luci, compare   così   davanti   la   porta   della   chiesa   l’Addolorata   nel   suo   magnifico   manto   di   velluto   nero ricamato in oro, posta sul fercolo illuminato e addobbato con centinaia di fiori. All’apparire   della   Madonna   la   banda   musicale,   che   si   trova   davanti   la   chiesa,   intona   una   marcia funebre,   improvvisamente   si   accendono   dei   fuochi   di   bengala   a   colori   che   illuminano   il   prospetto   del Castello   adiacente   alla   chiesa   e   una   nuvola   di   fumo   si   spande   per   l’atmosfera   rendendola   ancora   più mesta.   La   statua   dell’Addolorata   viene   portata   a   spalla   da   giovani   che   indossano   un   abito   nero, camicia e guanti bianchi e cravatta nera. Venerdì Santo Processione dell’Urna con il Cristo morto Una   grande   folla   assiste   all’uscita   dell’Urna   con   il   Cristo   morto   dalla   chiesa   Madre   greca,   mentre poco   prima,   dalla   chiesa   del   Crocifisso,   esce   la   statua   dell’Addolorata   dei   greci   accompagnata   in processione   da   alcuni   fedeli   che   indossano   le   cappe   di   colore   bianco.   Partecipano   alla   processione   i “fratelli”   del   SS.   Crocifisso   che   indossano   il   proprio   “abitino”   di   colore   rosso   con   un   medaglione recante l’effige della croce greca. Nel    centro    della    piazza,    dove    sono    state    spente    tutte    le    luci    per    creare    un’atmosfera    di raccoglimento, avviene l’incontro di Maria SS. Addolorata con l’Urna recante il Cristo morto. A   questo   punto   la   Processione   diventa   unica,   davanti   l’Urna   e   dietro   la   statua   dell’Addolorata   le   quali percorrono   le   strade   principali   del   paese.   L’Urna   con   il   Cristo   morto,   viene   portata   a   spalla   da   giovani che   indossano   abito,   cravatta   e   guanti   neri   e   camicia   bianca.   Al   rientro   della   processione   in   piazza vengono spente nuovamente le luci e si ripete la stessa atmosfera di raccoglimento dell’uscita. Sabato Santo   “Cristòs Anèsti” Nella   notte   tra   il   Sabato   e   la   Domenica   di   Pasqua,   un   coro   percorre   le   vie   cittadine   al   canto,   in   lingua greca,   del   “Cristòs   Anèsti”   (Cristo   è   risorto),   annunziante   la   resurrezione   di   cristo.   La   cerimonia   si snoda   in   un’atmosfera   di   raccoglimento   e   di   suggestione   determinata   dai   canti,   dall’incenso   e   dal canto del Vangelo in diverse lingue. Pasqua Caratteristici   i   riti   nelle   varie   chiese.   In   quella   di   San   Nicolò   di   Mira   di   rito   greco   -   bizantino   vengono distribuite le uova dipinte di rosso. T erza Domenica di Maggio   Fiera del SS. Crocifisso La   fiera   del   SS.   Crocifisso,   comunemente   conosciuta   come   “fiera   di   Maggio”   era   una   “fiera   franca”. Essa   si   svolgeva   e   si   svolge   tuttora   la   terza   Domenica   di   Maggio,   data   fissata   dal   re   Ferdinando   II   che ne autorizzò la celebrazione con decreto del 23 Agosto 1844. La   festa   ha   inizio   la   seconda   Domenica   di   Maggio   con   “l’appizzatina   ‘ru   Paliu”,   cioè   l’esposizione   del Palio,   una   bandiera   albanese   di   panno   rosso   con   al   centro   un   aquila   bicipite   nera   che   viene   issata   nel campanile della chiesa a mezzogiorno. La   mattina   della   festa   nella   chiesa   del   SS.   Crocifisso   si   celebra   una   solenne   liturgia   in   rito   greco   - bizantino   al   termine   della   quale   si   svolge   “a   cunnutta”,   una   sorta   di   sfilata   di   torce   e   di   regali   (ex   voto - biancheria d’altare ed altro) appartenenti alla Confraternita. Conclude   la   sfilata   “la   retina”   dei   muli,   che   portano   basti   e   bisacce,   decorati   con   fregi   e   ricami pregiati, ricolmi di grano. La   sera   si   svolge   la   processione   della   Vara,   ovvero   un   baldacchino   decorato   e   ricoperto   d’oro   nel quale si trova una crocifisso d’argento con l’anima di legno di faggio. Dopo   la   processione   la   Vara   resta   esposta   al   culto   per   l’Ottavario   durante   il   quale,   ogni   sera,   un predicatore   tiene   delle   omelie.   L’Ottavario   si   conclude   la   Domenica   successiva   con   la   processione che percorre le vie secondarie del paese. La   festa   si   conclude   il   Lunedì   successivo   con   “‘a   chiusura   ‘ra   vara”,   una   cerimonia   religiosa   alla   quale intervengono numerosissimi fedeli. Luglio - Agosto - Settembre   Estate “Mezzojusara” e Notte bianca Durante   i   mesi   estivi   il   Comune   di   Mezzojuso,   in   collaborazione   con   le   Associazioni   culturali   locali, organizza   diverse   attività   ricreative   all’aperto,   tra   cui   cinema,   teatri,   spettacoli   musicali,   sfilate   di moda,   tornei   di   calcetto,   pallavolo   e   altro   ancora   che   contribuiscono   ad   allietare   le   calde   serate estive.   Appuntamento   clou   di   tutta   la   manifestazione   è   la   Notte   bianca   che   si   svolge   nel   mese   di Agosto. 27 Agosto - Festeggiamenti in onore di San Giuseppe L’inizio   della   festa   viene   segnalato   la   settimana   precedente   con   “l’appizzatina   d’ù   paliu”   cioè   con l’esposizione   del   palio,   bandiera   di   tela   bianca   con   una   croce   rossa,   nella   parte   alta   del   campanile della chiesa dell’Annunziata. Il   palio   viene   esposto   a   mezzogiorno   mentre   le   campane   suonano   a   festa   accompagnate   dal   rullo   dei tamburi e dagli spari dei mortaretti. Ha   inizio   così   il   novenario   in   chiesa,   che   si   conclude   con   la   processione   solenne   l’ultima   domenica   di Agosto. Di   notevole   importanza,   anche   per   il   suo   aspetto   folkloristico,   è   “a   cunnutta”   ovvero   la   condotta   dei ceri e dei regali che si svolge dopo la messa solenne. La    Confraternita    detiene    un    numero    considerevole    di    “torce”,    grossi    ceri    che    hanno    impresse immagini   Sacre,   che   vengono   portati   in   processione   per   devozione   o   per   ex   voto.   Vi   è   anche   la condotta   dei   regali:   campanelle   d’argento,   biancheria   d’altare,   ex   voto   d’argento   e   d’oro   appartenenti alla   Confraternita.   Conclude   la   processione   la   “retina   dei   muli”   composta   da   dieci   muli   che   portano basti e bisacce decorati con ricami e fregi di particolare finezza e numerosi sonagli. Le   bisacce   sono   piene   di   grano,   che   è   stato   raccolto   dai   confrati   durante   l’anno   soprattutto   nel periodo del raccolto. La    sera    dell’ultima    Domenica    di    Agosto    si    svolge    la    processione    di    San    Giuseppe    ovvero,    del simulacro della Sacra Famiglia. 8 Settembre - Festeggiamenti in onore di Maria SS. dei Miracoli I   festeggiamenti   in   onore   di   Maria   SS.   dei   Miracoli   si   celebrano   a   Mezzojuso   l’8   Settembre,   giorno   in cui la chiesa celebra la Natività della Vergine Maria. La   festa   in   passato   era   una   delle   antiche   fiere   franche   come   quella   del   SS.   Crocifisso,   di   Santa   Maria di Tutte le Grazie e di San Giuseppe. Da   sempre   conosciuta   come   “’a   fera   ri   Settembri”   essa   è   una   delle   feste   più   sentite   nel   nostro   paese per la devozione che tutta la popolazione nutre verso la Vergine miracolosa. La   mattina   dell’8   Settembre,   dopo   la   messa   solenne,   si   svolge   la   “torceria”,   processione   di   fedeli disposti su due file recanti in mano dei grossi ceri di appartenenza della Confraternita. La   processione   attraversa   le   vie   principali   del   paese.   La   sera   si   svolge   la   solenne   processione   con   la presenza dei “fratelli” e delle “sorelle” che, indossano l’abitino di colore azzurro. La   festa   continua   la   settimana   seguente   con   l’Ottavario   che   si   svolge   in   chiesa   a   conclusione   del quale   il   15   Settembre   viene   portato   nuovamente   in   processione   il   Simulacro   della   Madonna   dei Miracoli. Ottobre, ultimo week end Sagra della Castagna Diventato   uno   degli   appuntamenti   più   importanti   della   Provincia,   ogni   anno   richiama   migliaia   di visitatori provenienti da tutta la Sicilia.
Pro Loco Mezzojuso
realizzato e curato da: Vincenzo Di Grigoli

Tradizioni ed Eventi

  Gennaio

“A  

vulàta  

d’à  

palumma”  

o  

“Festa  

dell’acqua  

battiata”  

secondo  

il  

rito

greco - bizantino.

E’  

una  

delle  

funzioni  

più  

originali  

del  

rito  

greco  

-  

bizantino  

e  

si  

svolge

due  

volte,  

la  

sera  

del  

5  

Gennaio  

in  

chiesa  

e  

la  

mattina  

del  

6  

Gennaio  

in

piazza,  

davanti  

la  

porta  

principale  

della  

Chiesa  

di  

San  

Nicolò  

di  

Mira.

Durante  

la  

celebrazione,  

una  

candida  

colomba  

discende  

lentamente,

attraverso  

una  

corda  

che  

dall’alto  

di  

un  

balcone  

si  

collega  

ad  

un  

fonte

battesimale   

disposto   

davanti   

la   

chiesa.   

Questo   

momento   

liturgico

ricorda  

il  

battesimo  

di  

Gesù  

nel  

Giordano  

e  

la  

discesa  

dello  

Spirito

Santo   

che   

assume   

le   

sembianze   

di   

una   

colomba.   

La   

cerimonia   

si

conclude  

con  

la  

benedizione  

dei  

fedeli  

e  

la  

distribuzione  

a  

quest’ultimi

di arance.

Febbraio

Ultima domenica di Carnevale

Il Mastro di Campo

La pantomima Ore   14,30   il   Re   e   la   Regina   con   il   corteo   reale   fa   il   suo   ingresso,   avvia   le danze in piazza e poi sale su un palco che funge da Castello. Intanto   appaiono   le   maschere   legate   alla   tradizione:   u   Rimitu,   i   Maghi, le   Giardiniere,   in   piazza   arrivano   gli   Ingegneri   armati   di   strumenti   di agrimensura   e   iniziano   a   misurare   la   distanza   da   un   punto   ipotetico della piazza in cui il Mastro di Campo potrà piazzare l’artiglieria. Arriva    il    Mastro    di    Campo    al    ritmo    marziale    del    tamburo,    con    al seguito:   il   Tammurinaru,   l’Ambasciatore,   Garibaldi   con   i   Garibaldini,   il Capitano   d’artiglieria,   il   Barone   e   la   Baronessa   seguiti   dai   loro   uomini: Camperi,     Soprastanti,     Vurdunaru,     Curatulu,     Sfacinnatu,     infine     la Cavalleria. Il   Mastro   di   Campo   invia   con   l’Ambasciatore   una   lettera   di   sfida   al   Re, alla   risposta   del   Re   il   Mastro   di   Campo   inizia   le   ostilità   seguite   da   una danza   guerresca,   ritmata   dal   tamburo,   a   cui   si   aggiunge   la   carica   di Garibaldi    e    i    suoi    Garibaldini,    il    Foforio,    oltre    a    mantenere    l’ordine pubblico,   sequestra   i   benestanti   e   li   rilascia   dietro   pagamento   di   un riscatto   (dolci   o   liquori).   Nel   primo   tempo   il   Mastro   di   Campo   sale   la scala   (due   volte)   del   Castello   del   Re   con   il   quale   si   scontra   in   un   duello, nel   duello   centrale   il   Mastro   di   Campo   viene   ferito   in   fronte,   il   tamburo suona   “a   rullo”,   il   Generale   tutto   tremante   allarga   le   braccia   e   si   lascia cadere nel vuoto: termina la prima parte della rappresentazione. I   Maghi   scavano   sotto   il   Castello   e   trovano   la   Trovatura   (un   cantaru   di maccheroni    e    salsiccia)    che,    al    grido    di    “foriu”,    offrono    alla    folla;    il Mastro    di    Campo,    guarito    dalle    ferite,    rientra    in    piazza    con    il    suo esercito    e    riprende    la    battaglia.    Le    scene    dei    vari    personaggi    si ripropongono   uguali   al   primo   tempo.   Il   Re,   tradito   dall’Artificiere,   viene sopraffatto   e   incatenato   dal   Mastro   di   Campo   penetrato   furtivamente nel   Castello,   il   Mastro   di   Campo   si   smaschera   e   corona   il   suo   sogno d’amore   abbracciando   l’amata   Regina.   Si   conclude   la   pantomima   del Mastro di Campo e si avvia il corteo che si snoderà per le vie del paese. 18 - 19 Marzo Festeggiamenti in onore di San Giuseppe Benedizione e distribuzione dei “Panuzza” di San Giuseppe. La   sera   del   18   marzo,   nella   chiesa   dell’Annunziata   si   svolge   la   funzione dei   “tocchi   di   San   Giuseppe”   che   rappresenta   il   trapasso   del   Santo: nove   rintocchi   annunziano   l’agonia,   mentre   il   rullo   del   tamburo   e   lo sparo   del   mortaretto,   che   sono   segni   di   festa,   hanno   il   significato   che alla   tristezza   della   morte   fa   seguito   il   trionfo   in   cielo.   Si   è   persa   l’usanza di    fare    la    “tavolata”    mentre    è    ancora    in    uso    la    “minestra    di    San Giuseppe”   preparata   dai   “fratelli”   con   diversi   tipi   di   verdure   e   di   legumi che   viene   benedetta   subito   dopo   la   messa   solenne   del   19   Marzo   e mentre   in   passato   era   destinata   ai   poveri   del   paese,   oggi   tutti   i   fedeli   si affollano   con   devozione   per   assaggiarla.   Nella   settimana   che   precede   i festeggiamenti    del    19    marzo,    vengono    preparati    i    “panuzza”    di    S. Giuseppe,   dei   panini   di   forma   rotonda,   piuttosto   schiacciati   con   un diametro   di   circa   5   cm.   Sono   realizzati   con   farina   comune,   olio   sale   e semi   di   finocchio   selvatico   e   hanno   impressa   l’immagine   della   Sacra Famiglia.   Vengono   benedetti   ed   esposti   alla   visita   dei   fedeli   la   vigilia dopo   “i   tocchi”   e   distribuiti   dai   confratelli   a   tutte   le   famiglie   del   paese   la mattina   del   19   Marzo.   Tale   distribuzione   rappresenta   la   Provvidenza del   Santo   che   arriva   in   tutte   le   famiglie.   Le   sacre   ricorrenze   del   23 Gennaio    (Sposalizio    di    San    Giuseppe)    e    del    19    Marzo    hanno    un carattere esclusivamente religioso. La settimana Santa Sabato di S. Lazzaro “O mirë mbrëma”. Un   coro   percorre   le   vie   cittadine   al   canto,   in   lingua   albanese,   di   “O   mirë mbrëma”   narrante   la   resurrezione   di   Lazzaro.   In   passato   si   svolgeva   la settimana   che   precedeva   la   Domenica   delle   Palme,   dal   mercoledì   al Sabato,   oggi   si   svolge   il   Venerdì   Santo   in   un’unica   sera.   Il   coro,   si   sposta di casa in casa e alla fine del canto vengono offerte delle uova. Giovedì Santo Processione della Statua dell’Addolorata Ha   luogo   il   Giovedì   Santo   ed   è   unica   nel   suo   genere   poiché   sembra   che in    nessun    altro    luogo    si    porti    in    processione    la    Statua    di    Maria Santissima     Addolorata     tale     giorno.     Approssimandosi     l’ora     della Processione,    dalla    Chiesa    Madre    latina,    dove    si    trova    la    Statua dell’Addolorata,   comincia   a   sentirsi   il   caratteristico   suono   della   tromba seguita    da    alcuni    colpi    di    tamburo,    che    annunziano    che    l’ora    della processione    è    vicina.    Partecipano    alla    processione    i    “fratelli”    che indossano   un   “abitino”   di   colore   nero,   appartenente   alla   Confraternita e    le    “sorelle    dell’Addolorata”,    che    indossano    un    abito    nero,    con    un nastro    bianco    attorno    al    collo    che    sorregge    una    medaglia    recante l’effigie   dell’Addolorata   e   un   velo   nero   che   ricopre   la   testa.   Nella   piazza, ove   trovasi   la   chiesa   Madre,   vengono   spente   tutte   le   luci,   compare   così davanti   la   porta   della   chiesa   l’Addolorata   nel   suo   magnifico   manto   di velluto   nero   ricamato   in   oro,   posta   sul   fercolo   illuminato   e   addobbato con centinaia di fiori. All’apparire   della   Madonna   la   banda   musicale,   che   si   trova   davanti   la chiesa,   intona   una   marcia   funebre,   improvvisamente   si   accendono   dei fuochi    di    bengala    a    colori    che    illuminano    il    prospetto    del    Castello adiacente   alla   chiesa   e   una   nuvola   di   fumo   si   spande   per   l’atmosfera rendendola   ancora   più   mesta.   La   statua   dell’Addolorata   viene   portata   a spalla   da   giovani   che   indossano   un   abito   nero,   camicia   e   guanti   bianchi e cravatta nera. Venerdì Santo Processione dell’Urna con il Cristo morto Una   grande   folla   assiste   all’uscita   dell’Urna   con   il   Cristo   morto   dalla chiesa   Madre   greca,   mentre   poco   prima,   dalla   chiesa   del   Crocifisso, esce   la   statua   dell’Addolorata   dei   greci   accompagnata   in   processione da   alcuni   fedeli   che   indossano   le   cappe   di   colore   bianco.   Partecipano alla   processione   i   “fratelli”   del   SS.   Crocifisso   che   indossano   il   proprio “abitino”   di   colore   rosso   con   un   medaglione   recante   l’effige   della   croce greca. Nel   centro   della   piazza,   dove   sono   state   spente   tutte   le   luci   per   creare un’atmosfera     di     raccoglimento,     avviene     l’incontro     di     Maria     SS. Addolorata con l’Urna recante il Cristo morto. A   questo   punto   la   Processione   diventa   unica,   davanti   l’Urna   e   dietro   la statua    dell’Addolorata    le    quali    percorrono    le    strade    principali    del paese.   L’Urna   con   il   Cristo   morto,   viene   portata   a   spalla   da   giovani   che indossano   abito,   cravatta   e   guanti   neri   e   camicia   bianca.   Al   rientro   della processione   in   piazza   vengono   spente   nuovamente   le   luci   e   si   ripete   la stessa atmosfera di raccoglimento dell’uscita. Sabato Santo   “Cristòs Anèsti” Nella   notte   tra   il   Sabato   e   la   Domenica   di   Pasqua,   un   coro   percorre   le vie    cittadine    al    canto,    in    lingua    greca,    del    “Cristòs    Anèsti”    (Cristo    è risorto),   annunziante   la   resurrezione   di   cristo.   La   cerimonia   si   snoda   in un’atmosfera   di   raccoglimento   e   di   suggestione   determinata   dai   canti, dall’incenso e dal canto del Vangelo in diverse lingue. Pasqua Caratteristici   i   riti   nelle   varie   chiese.   In   quella   di   San   Nicolò   di   Mira   di rito greco - bizantino vengono distribuite le uova dipinte di rosso. T erza Domenica di Maggio   Fiera del SS. Crocifisso La   fiera   del   SS.   Crocifisso,   comunemente   conosciuta   come   “fiera   di Maggio”   era   una   “fiera   franca”.   Essa   si   svolgeva   e   si   svolge   tuttora   la terza   Domenica   di   Maggio,   data   fissata   dal   re   Ferdinando   II   che   ne autorizzò la celebrazione con decreto del 23 Agosto 1844. La   festa   ha   inizio   la   seconda   Domenica   di   Maggio   con   “l’appizzatina   ‘ru Paliu”,   cioè   l’esposizione   del   Palio,   una   bandiera   albanese   di   panno rosso    con    al    centro    un    aquila    bicipite    nera    che    viene    issata    nel campanile della chiesa a mezzogiorno. La   mattina   della   festa   nella   chiesa   del   SS.   Crocifisso   si   celebra   una solenne   liturgia   in   rito   greco   -   bizantino   al   termine   della   quale   si   svolge “a   cunnutta”,   una   sorta   di   sfilata   di   torce   e   di   regali   (ex   voto   -   biancheria d’altare ed altro) appartenenti alla Confraternita. Conclude   la   sfilata   “la   retina”   dei   muli,   che   portano   basti   e   bisacce, decorati con fregi e ricami pregiati, ricolmi di grano. La    sera    si    svolge    la    processione    della    Vara,    ovvero    un    baldacchino decorato   e   ricoperto   d’oro   nel   quale   si   trova   una   crocifisso   d’argento con l’anima di legno di faggio. Dopo    la    processione    la    Vara    resta    esposta    al    culto    per    l’Ottavario durante     il     quale,     ogni     sera,     un     predicatore     tiene     delle     omelie. L’Ottavario   si   conclude   la   Domenica   successiva   con   la   processione   che percorre le vie secondarie del paese. La   festa   si   conclude   il   Lunedì   successivo   con   “‘a   chiusura   ‘ra   vara”,   una cerimonia religiosa alla quale intervengono numerosissimi fedeli. Luglio - Agosto - Settembre   Estate “Mezzojusara” e Notte bianca Durante   i   mesi   estivi   il   Comune   di   Mezzojuso,   in   collaborazione   con   le Associazioni     culturali     locali,     organizza     diverse     attività     ricreative all’aperto,   tra   cui   cinema,   teatri,   spettacoli   musicali,   sfilate   di   moda, tornei    di    calcetto,    pallavolo    e    altro    ancora    che    contribuiscono    ad allietare     le     calde     serate     estive.     Appuntamento     clou     di     tutta     la manifestazione è la Notte bianca che si svolge nel mese di Agosto. 27 Agosto - Festeggiamenti in onore di San Giuseppe L’inizio    della    festa    viene    segnalato    la    settimana    precedente    con “l’appizzatina   d’ù   paliu”   cioè   con   l’esposizione   del   palio,   bandiera   di   tela bianca   con   una   croce   rossa,   nella   parte   alta   del   campanile   della   chiesa dell’Annunziata. Il   palio   viene   esposto   a   mezzogiorno   mentre   le   campane   suonano   a festa accompagnate dal rullo dei tamburi e dagli spari dei mortaretti. Ha   inizio   così   il   novenario   in   chiesa,   che   si   conclude   con   la   processione solenne l’ultima domenica di Agosto. Di    notevole    importanza,    anche    per    il    suo    aspetto    folkloristico,    è    “a cunnutta”   ovvero   la   condotta   dei   ceri   e   dei   regali   che   si   svolge   dopo   la messa solenne. La   Confraternita   detiene   un   numero   considerevole   di   “torce”,   grossi ceri    che    hanno    impresse    immagini    Sacre,    che    vengono    portati    in processione   per   devozione   o   per   ex   voto.   Vi   è   anche   la   condotta   dei regali:   campanelle   d’argento,   biancheria   d’altare,   ex   voto   d’argento   e d’oro    appartenenti    alla    Confraternita.    Conclude    la    processione    la “retina   dei   muli”   composta   da   dieci   muli   che   portano   basti   e   bisacce decorati con ricami e fregi di particolare finezza e numerosi sonagli. Le    bisacce    sono    piene    di    grano,    che    è    stato    raccolto    dai    confrati durante l’anno soprattutto nel periodo del raccolto. La   sera   dell’ultima   Domenica   di   Agosto   si   svolge   la   processione   di   San Giuseppe ovvero, del simulacro della Sacra Famiglia. 8 Settembre - Festeggiamenti in onore di Maria SS. dei Miracoli I    festeggiamenti    in    onore    di    Maria    SS.    dei    Miracoli    si    celebrano    a Mezzojuso   l’8   Settembre,   giorno   in   cui   la   chiesa   celebra   la   Natività   della Vergine Maria. La   festa   in   passato   era   una   delle   antiche   fiere   franche   come   quella   del SS. Crocifisso, di Santa Maria di Tutte le Grazie e di San Giuseppe. Da   sempre   conosciuta   come   “’a   fera   ri   Settembri”   essa   è   una   delle   feste più   sentite   nel   nostro   paese   per   la   devozione   che   tutta   la   popolazione nutre verso la Vergine miracolosa. La    mattina    dell’8    Settembre,    dopo    la    messa    solenne,    si    svolge    la “torceria”,   processione   di   fedeli   disposti   su   due   file   recanti   in   mano   dei grossi ceri di appartenenza della Confraternita. La   processione   attraversa   le   vie   principali   del   paese.   La   sera   si   svolge   la solenne   processione   con   la   presenza   dei   “fratelli”   e   delle   “sorelle”   che, indossano l’abitino di colore azzurro. La   festa   continua   la   settimana   seguente   con   l’Ottavario   che   si   svolge   in chiesa     a     conclusione     del     quale     il     15     Settembre     viene     portato nuovamente in processione il Simulacro della Madonna dei Miracoli. Ottobre, ultimo week end Sagra della Castagna Diventato   uno   degli   appuntamenti   più   importanti   della   Provincia,   ogni anno richiama migliaia di visitatori provenienti da tutta la Sicilia.